Città del futuro, territori futuri eventi programmati ed eventi condizionati

SCRUTARE GLI ORIZZONTI PER DETERMINARE IL FUTURO –  INTERLUDIO 
Giunge il momento di progettare un pianeta

Città del futuro, territori futuri eventi programmati ed eventi condizionati – I territori futuri, in senso metaforico ma anche in senso reale, dovranno tenere conto di una serie di eventi che si sono verificati negli ultimi mesi. Tuttavia l’uomo:

  1. continuerà a costruire assembramenti urbani perchè ha una necessità sociale ed economica
  2. Continuerà a non avere imparato nulla dal passato
  3. Continuerà nel processo di colonizzazione e sottomissione di popoli considerati inferiori
  4. Procederà con la colonizzazione del sistema solare e continuerà a muoversi verso l’esterno

Nella speranza quanto mai remota di migliorare  lo status del punto 1,2,3  prima di capire cosa faremo nei prossimi 5000 anni cerchiamo di capire cosa è accaduto per sommi capi nei recentissimi 5000 anni. Ma poi torniamo in dietro e vediamo cosa ci aspetta nel 2021.

Probabilmente il primo uomo ad immaginare il futuro è stato Leonardo da Vinci, ma il Vasari avrebbe detto cose diverse. Forse Gesù è stato il primo, o forse gli esseni, o gli ebrei nello scrivere la Torah, si scopre poi che i Maya avrebbero azzeccato con precisione determinati fatti che si sarebbero  verificati dopo il 2012, dagli sconvolgimenti climatici, ad altri tipi di “problemi”… Ma gli eventi non sono stati tali da confermare queste “previsioni” con assoluta certezza. Gli astrologi alla fine del 2019 ( quelli che fanno previsioni globali ) avevano già individuato importanti cambiamenti. Lo stesso  Fox parlava per tutti i segni di cambiamenti da aprile a Giugno, cambiamenti vitali importanti. Ma anche qui ci sono dei Limiti.

Tuttavia ebbene ricordarsi cosa è stato il Disco di Dendera e cosa può significare ancora oggi. Chi scrisse il libro Naometria, comprendeva il presente e lasciava tracce per il futuro. Ma sono dati di cui vi parlero verso la fine del 2020.

C’è un romanzo straordinariamente interessante ( DUNE – https://it.wikipedia.org/wiki/Dune_(romanzo) ) cui in parte si è  ispirato George Lucas, che narra di un pianeta  ( Arrakis ) fatto di soli deserti, che tuttavia contiene, risorse minerarie utili al sostentamento e la sopravvivenza dei “terrestri”; un romanzo di Fantascienza che introduce l’affascinante teoria del guerriero Jedi, ripreseo dal regista di Guerre Stellari.

 

Il futuro Distopico di Veronica Roth con il suo romanzo ( 45 milioni di copie vendute  ) scritto per adolescenti, ma egualmente molto interessante : “Divergent”. I contenuti di quel romanzo non sono molto diversi da alcuni fatti che sono accaduti di recente.  Abbiamo elementi per immaginare un futuro certo? Gli architetti  ( ed io mi tiro fuori ) hanno il loro pensiero edile, che parla di città e di lavoro da casa. Ricevo poi notizie di interviste da parte di chiacchieroni radiofonici che interpellano  “designer alla moda”.

Qualcuno invece vuole andare su Marte e prende questa decisione durante il 2019. Avevo tracciato una rotta ma senza ancora road map dal 2015,

https://www.archiram.com/bio/#jp-carousel-1865 

con uno scenario parziale legato al mio progetto-trattato “Sforzinda 2000” che forse andrebbe ribattezzato in Sforzinda-3000, o Sforzinda Millennial perchè , il progetto nasce negli anni 2000. Se l’arteriosclerosi non mi inganna l’idea parte dal 2005, in quel di Vigevano città ducale Visconteo Sforzesca , in cui Leonardo e Bramante hanno lasciato tracce psichiche della loro presenza.

Questo lungo silenzio , in realtà ha tracciato una nuova mappa nello sviluppo di alcuni progetti. Come si sa spesso occorre lasciarsi trasportare dalla “corrente delle variabili” per capire come sviluppare dei progetti trascritti in un foglio excel e cui si è dato un nome una data e un pacchetto di risorse possibili.

 

Nel corso del 2019/20 ho impostato alcune pubblicazioni esclusivamente e volutamente sulle mie piattaforme. Da Agosto 2019, c’è stata la comprensione di un necessario rallentamento per capire che nuovi strumenti utilizzare in futuro. Il lavoro da casa attuato per un paio di mesi, mi ha consentito di sviluppare, un nuovo modo di esporre specifici, progetti.

Mentre le ombre della notte cominciano ad infittirsi, aumenta il silenzio, fino a lasciar sentire, il canto della ventola di raffreddamento del computer, accompagnata dal “taping” della tastiera, ed allora rifletti su chi è solo  capace   di scopiazzare le idee del genio. Forse condizionato    dalla grande meretrice   che espone “inserzioni” su carta da cesso, il cui inchiostro anch’esso derivato dal “petrolio”, regna nel segnare pensieri che  si esprimono solo quando   egli, ha paura di essere continuamente anticipato . Ma questo fa il genio , li anticipa, perchè c’è sempre una data precedente alle loro vomitate sulla loro carta da cesso globale.  Impugnano nervosamente il loro telefono come fosse un fallo e istericamente devono, esporre la loro sudicia, stronzata già inventata prima da altri, ma non importa, hanno reso ignoranti coloro che sono incaricati di fare loro pubblicità gratuita.

Ma non è tempo di scrivere parole al cianuro,  perchè sbiadiscano nel nulla. Ho sempre pensato a modelli di città nel e del futuro..ed il prodotto sta per partorire come disegno definitivo per i prossimi millenni, è in gestazione il progetto “Bereshit”, battezzato cosi provvisoriamente prendendo a prestito il primo libro della Torah ( non me ne vogliano gli amici rabbini ) e c’è anche un motivo per tutto questo.

Ma torniamo alle cose fatte in questa stagione lunga di silenzio attivata dal 30 settembre 2019 , fino al Giugno 2020 ( quasi 9 mesi ) . Nove mesi creativi, non sempre lucidi, ma che hanno definito i risultati di un lungo  interludio.  C’è il momento in cui scrutare l’orizzonte per ricevere i suggerimenti del destino e questo ti consente di osservare.

Recenti aperture :  un piccolo canale tv che trasferisce poi video o frammenti sul canale YT di archiram cui utilizzo un nomignolo divertente ma questo mi consente di essere quasi irriconoscibile, e nascondendomi nel caos posso dire alcune cose a poche persone che da 3 possono diventare 20 e cosi via.

https://www.twitch.tv/Lancyllot

In tale micro canale tv, esprimo possibili scenari per il futuro ma anche strumenti per elaborare al meglio il presente. Il tema della sostenibilità è sicuramente una traccia importante per interpretare le città ed i territori del futuro, e qui espongo alcune considerazioni personali..

Editoriali : Architettura Sostenibile

 

Il lancio della fabbrica dei progetti, che potrebbe avere una traduzione inglese del tipo Factory-Plan, si muoverà in questi mesi a partire dal tema degli “eco-bonus” governativo. L’interpretazione migliore, viene data, dagli aspetti normativi che determinano anche le condizioni specifiche con cui la forma incide sulla città.  Un ambia distesa di idee prende forma dalle condizioni politiche del tempo. Basta pensare all’evoluzione delle città americane tra gli anni 30 fino agli anni 80 ; una norma per le città americane prevedeva la “rastremazione” dei grattacieli in altezza, cultura interrotta poi dopo l’esemplare dell’ Empire State Building( 1931 ) da parte del WTC (  1973-2001), dove i due parallelepipedi non si rastremano e rimangono intatti fino a oltre 400 metri ( altezza superata anche dall’Empire).

La fabbrica dei progetti

 

Un ipotesi di villaggio residenziale, per ricordarsi di essere nel presente. Progetto che ha lo scopo di analizzare una parte del piano di governo del territorio di  una periferia governata da scimmie…

Villaggio residenziale scheda 1 villa bifamiliare o trifamiliare Milano

 

Il progetto che reputo più interessante e forse il più adatto al mio futuro è il progetto “CINEMA-MACHINE” che studia il rapporto tra cinema ed architettura e propone qualcosa collegato anche ai videogames. Il rapporto tra cinema-futuro e progettazione delle città, sarà   raccontato in questa sezione del sito “codice architettura” nato per esplorare tutti i codici antichi dell’architettura e gli archetipi. Molti modelli architetturali nascono da romanzi di Fantascienza.  La manifestazione sulla materia di queste idee si sta lentamente configurando in numerose città. New York sta interpretando il futuro realistico meglio di ogni altra città del mondo con il progetto Hudson Yards. Ma forse non è il modello definitivo, presenta dei punti deboli e li analizzeremo nelle prossime settimane perchè  alla fine ciò che sembra avere dei punti di discordia , in realtà nasconde quello che dovrà essere il futuro.

Light hill house

Film ed architettura , scenografie film , tecnologia, progetti film Skyscraper 2018

 

 

PROGETTO GENESIS – PROGETTARE UN PIANETA .

Quando dico che Elon Musk è visionario mediocre ,   intendo dire che gli manca la dose di follia necessaria. Infatti si sta limitando a finanziare lo sbarco su  Marte secondo una logica imprenditoriale che ha poco a che fare con le visioni. La mia visione invece è terra-formante. vedo un futuro di creazione formante di pianeti, per cui ho attivato il prgoetto GENESIS, ergo progettiamo un pianeta. Il progetto è iniziato da tempo, ora lo riprendo perchè è ora di ripristinare un certo livello di follia nella progettazione  delle cose per far sopravvivere l’uomo.

Questa è la pagina Landing… http://www.codicearchitettura.com/genesis/biosfera.html